In una causa di separazione la Corte Di Cassazione interviene e respinge la richiesta del genitore di ridurre la cifra prevista come contributo di mantenimento per il bambino avuto dall’ex compagna. E questo avviene grazie al fatto che gli elementi relativi al trust e le indagini della Guardia di Finanza smentiscono l’ipotesi di una sua ridotta capacità economica.
Per maggiori approfondimenti riportiamo i riferimenti della sentenza: Corte di Cassazione, Sez. civile, Ord. 29-08-2018 n. 21366

Con questo interessante arresto, la Suprema Corte interviene in una vicenda di diritto di famiglia, e afferma il principio in base al quale la valutazione della situazione patrimoniale del disponente/genitore deve essere effettuata per determinare l’assegno di mantenimento da corrispondere al figlio, anche tenendo conto della consistenza del patrimonio precedentemente segregato in trust.

Iscriviti alla newsletter di Galvani Fiduciaria

Che argomenti ti interessano?

Privacy

Grazie per esserti iscritto alla Newsletter di Galvani Fiduciaria